fbpx

La ripartenza: strategie per il settore turistico

ripartenza 4
Condividi l'articolo se ti è piaciuto

A primo acchito, il titolo dell’articolo sembrerebbe un saggio teorico sulla ripartenza.

Invece noi vorremmo darti delle indicazioni precise per affrontare un periodo che non ha precedenti nella storia dell’ospitalità.

Inutile soffermarci a ripetere per l’ennesima volta quanto la pandemia abbia devastato tutto il comparto.

Lo abbiamo capito tutti, niente sarà come prima e, chi parla di un ritorno alla normalità, non ha ancora capito che non si può tornare indietro al periodo pre-Covid.

C’è solo una possibilità, quella di ricostruire un futuro comprendendo che le regole precedenti, in gran parte, non sono più valide.

Ci troviamo di fronte a un mercato che ha subito delle ripercussioni notevoli, sconvolto da lockdown, chiusure di regioni, stati e, di conseguenza, aeroporti fermi.

L’impossibilità di spostarsi ha influito, infatti, soprattutto sulle prenotazioni che arrivano dall’estero.

Ma non è tutto qui.

Il virus ha cambiato totalmente la maniera di viaggiare. Le disposizioni in termine di salute e sicurezza hanno modificato le abitudini dei turisti.

Sarà per sempre così? Non abbiamo la sfera di cristallo ma il quadro della situazione attuale è questo e lo hanno detto e ridetto tutte le aziende che si occupano direttamente di turismo oltre che di consulenza.

E lo abbiamo ripetuto anche noi che, da anni, studiamo la situazione del turismo e della ricettività.

Ci sono dei trend che vanno considerati, soprattutto ora che dobbiamo ripartire e riaprire le nostre strutture, nonostante tutte le difficoltà che questo periodo porta con sé.

 

ripartenza

Le chiavi per la ripartenza

Da dove iniziare? Ti suggeriamo di tenerti sempre aggiornato.

Tra social, blog, carta stampata, televisione hai l’imbarazzo della scelta per cercare di capire quali siano le tendenze future.

L’operazione ricerca di informazioni, però, richiede parecchio tempo che, in questo periodo di corsa alle aperture per la ripartenza, difficilmente ti potrai permettere.

Ecco perché veniamo in tuo aiuto con la consulenza professionale e con le nostre competenze in materia.

Possiamo indicarti gli interventi da effettuare, in ordine di priorità, e studiare su cosa investire per ottenere il massimo risultato possibile.

Sono tante le domande a cui cerchiamo di dare una risposta: sapere quali sono gli aspetti principali che indirizzano i viaggiatori verso una certa località, una determinata struttura ricettiva, piuttosto che un’offerta o un pacchetto.

Intuire la soluzione a ognuno dei quesiti che hai in testa significa vincere su tutti i fronti, perché sarai tra i primi a promuovere le offerte giuste.

Ciò porta gli albergatori, di conseguenza, ad accrescere il proprio business.

Sappiamo bene che non è affatto semplice anticipare i trend, perché si tratta di un meccanismo piuttosto complesso, visto che il mercato del turismo si evolve di continuo.

Se tu ci riuscissi, potresti sfruttare il tempo a tua disposizione per organizzarti a fronteggiare i cambiamenti e ottenere vantaggi dalle potenzialità.

 

ripartenza 1

Uno sguardo al presente e all’immediato futuro: le tendenze del 2021

I dati da noi raccolti parlano piuttosto chiaro, ci sono delle parole chiave da tenere a mente per restare al passo e, possibilmente, anticipare i competitor.

Abbiamo realizzato un elenco rapido e semplice di punti da memorizzare oppure da annotare per comprendere meglio le tendenze del mercato.

1) Pulizia

2) Flessibilità

3) Tecnologia

4) Sostenibilità

5) Slow Tourism

6) Comunicazione

7) Last minute

8) Turismo “locale”

9) Itinerari fuori dalle rotte comuni

Queste tendenze possono tornare utili per comprendere cosa è necessario eliminare, cambiare oppure inserire nella tua tipologia di offerta.

 

Gli standard di pulizia

Ai concetti di pulizia e igiene si è unito quello di sicurezza. Diventa necessario, quindi, applicare protocolli specifici e comunicarli nel modo più chiaro possibile al pubblico.

In caso di dubbi, è bene rivolgersi a personale esperto e appositamente formato rispetto ai nuovi modi di sanificare e igienizzare.

Informare gli ospiti sulle procedure seguite in modo puntuale, rappresenta un punto di forza.

 

ripartenza 3

Chi viaggia ha bisogno di flessibilità

Il Covid ha cambiato anche questo aspetto del viaggiare: i progetti cambiano in base a ciò che ci viene permesso di fare, alle vaccinazioni, alla sicurezza delle destinazioni.

Perciò offrire al pubblico potenziale la possibilità di cancellare la prenotazione liberamente e senza penali farà la differenza.

Durante la ripartenza del 2021 anche l’introduzione delle tariffe rimborsabili avrà un incremento perché le persone che le scelgono sono in crescita.

 

Le innovazioni tecnologiche rappresentano un plus valore

A iniziare dai tour virtuali dell’albergo, il digitale ha un peso notevole nelle varie fasi del rilancio.

Grazie alla tecnologia, i viaggiatori dispongono più strumenti per valutare la loro scelta, e tu puoi sottolineare i punti di forza della tua struttura.

Il momento è propizio per aggiornare il tuo personale, in modo da dotarlo degli skill digitali che più possono essere utili come analizzare dati, gestire i sistemi operativi, le piattaforme di prenotazione e comunicare nel modo giusto in questa nuova era.

 

ripartenza 2

L’Agenda 2030: sostenibilità e slow tourism

L’Agenda 2030, che siamo tenuti tutti a rispettare, ci suggerisce di puntare sulla sostenibilità. Non si può più pensare di lavorare se non si considera l’ambiente che ci circonda.

Un’esigenza molto sentita dal pubblico e che coinvolge ogni aspetto sociale ed economico.

Le scelte della ristorazione, gli alloggi, il modo di muoversi, tutto deve essere ecosostenibile.

Concetti come km zero e biologico, raccolta differenziata, niente sprechi rappresentano il top, così come l’utilizzo di fonti di energia alternative.

A iniziare dai sistemi fotovoltaici e dalle colonnine per ricaricare le auto elettriche.

La bicicletta sarà sempre più il modo preferito per muoversi nel territorio: emissioni zero e accessibilità alle zone a traffico limitato sono ottime ragioni per proporla ai propri clienti.

I ritmi, dopo la pandemia, appaiono rallentati e così anche quelli che preferiscono i turisti.

I soggiorni aumentano la loro durata e si registrano meno spostamenti frenetici da una località da visitare e l’altra.

I viaggi a contatto con la natura, corredati da escursioni e gite, sono sempre più quotati. Così come le esperienze che consentano di accostarsi a tradizioni e culture locali.

Il problema del distanziamento sociale influisce, ovviamente, anche nel settore della ricettività. Per questo motivo, parte del pubblico ha iniziato a preferire itinerari alternativi, evitando i luoghi scelti dal turismo di massa.

Ne traggono giovamento i borghi e le città meno conosciute.

Per sfruttare questo trend, i tuoi pacchetti potrebbero inserire percorsi diversi, tappe in piccole realtà artigianali, attrattive naturalistiche dove lo spazio sia molto per tutti.

 

La comunicazione adatta al web

Il corretto modo di comunicare, anche nell’ambito della ricettività, consente di raggiungere migliori risultati.

Chi non lo ha capito, in corso di ripartenza, resta al palo.

Devi valorizzare i punti di forza e le attrattive della tua struttura in modo che il pubblico riesca a orientarsi e preferisca ciò che offri tu.

Il messaggio deve risaltare, distinguersi in una marea di proposte.

 

Il ritorno del last minute

Le prenotazioni sono state segnate dall’incertezza provocata dalla pandemia. Ed è per questa ragione che il pubblico è tornato a richiedere i viaggi last minute.

Ciò richiede di ripensare le strategie di marketing e vendita.

Tra quello che incide sulla decisione spicca l’offerta economicamente più vantaggiosa e l’immediatezza della partenza.

 

Il turismo locale convince

Ci sono due definizioni che stanno emergendo in questo periodo storico caratterizzato dalla ripartenza: “turismo di prossimità” e “staycation”.

Questo significa che molte persone scelgono, per le proprie vacanze, luoghi vicini a casa.

Un modo di vivere la vacanza che piace in Italia, in Spagna e, in parte, anche in Francia.

 

 

La ripartenza: strategie per il settore turistico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
MIGLIORA I RISULTATI DEL TUO HOTEL!

Fai un grande salto di qualità e prenota la tua consulenza gratuita, affidandoti a chi ha esperienza reale nel mondo alberghiero e può garantirti risultati concreti.


PRENOTA SUBITO LA TUA CONSULENZA GRATUITA